Logo per la stampa

Provincia Autonoma di Trento - Polizia amministrativa

 
 
 
 
 
 
 Home  Polizia amministrativa » Procedimenti sanzionatori
Procedimenti sanzionatori

Il Servizio Polizia Amministrativa provinciale risulta competente in merito all'applicazione dei procedimenti sanzionatori previsti da specifiche leggi di settore ed in particolare dal T.U.L.P.S., dagli articoli 666 e 705 del codice penale e dalla normativa in materia di divieto di fumare; il Dirigente, ferme restando le funzioni di vigilanza, provvede all'emanazione dell'ordinanza ingiunzione/archiviazione di cui all'art. 18 della legge 689/81.

 
Procedimenti sanzionatori
Riferimenti normativi
  • Legge 24 novembre 1981, n. 689 - R.D. 18 giugno 1931, n. 773

     

    In alcune materie l’ordinamento vigente prevede, a carico di chi viola determinate prescrizioni di legge, l’applicazione di sanzioni amministrative. Le disposizioni generali per l’accertamento delle violazioni amministrative e per l’applicazione delle relative sanzioni sono contenute nelle sezioni I e II del cap. I della legge 24 novembre 1981, n. 689 (salvo per le violazioni in tema di circolazione stradale, di regolamenti comunali e provinciali e in materia edilizia).

     

    Per quanto riguarda, in particolare, le violazioni amministrative alle norme del R.D. 18 giugno 1931, n. 773, la disciplina generale prevista dalla L. 689/81 va integrata con la disciplina sanzionatoria introdotta dagli artt. 17/bis – 17/sexies e dall’art. 221/bis del Testo Unico stesso, introdotto dall'art. 3 del D.Lgs. 13 luglio 1994, n. 480.

     
Fasi del procedimento della L. 689/81
  • Accertamento dell’illecito

    Tale fase è finalizzata all’acquisizione, da parte degli organi accertatori, di tutti quegli elementi dai quali si deduce l’esistenza dell’illecito amministrativo. Tale accertamento si conclude con la stesura di un processo verbale.

     

    Contestazione e notificazione

    L’illecito viene contestato immediatamente, quanto è possibile, sia al trasgressore che agli eventuali obbligati in solido. Qualora non sia possibile eseguire tale contestazione immediata, il verbale viene notificato a tutti gli interessati entro 90 gg. dall’accertamento completato (ovvero entro 360 gg. per i residenti all’estero).

     

    Pagamento di misura ridotta

    Al cittadino (trasgressore ovvero obbligato in solido) che riceve una contestazione per avere commesso un illecito amministrativo, la legge consente due possibilità:

    estinguere il procedimento provvedendo al cd. "pagamento in misura ridotta" nel termine perentorio di 60 gg. dalla data di contestazione ovvero di notificazione del verbale. L’art. 16 della 689/81 prevede il pagamento di una somma pari alla terza parte del massimo della sanzione prevista o, se più favorevole, pari al doppio del minimo della sanzione edittale;

    oppure presentare, entro 30 gg., dalla data di contestazione o di notificazione, scritti difensivi (in carta libera) e/o richiedere di essere ascoltato dall’autorità competente.

     

    Rapporto

    L’organo accertatore qualora i soggetti interessati non abbiano provveduto ad effettuare il pagamento liberatorio di cui al punto c), deve fare rapporto all’autorità amministrativa competente.

     

    Ordinanza di archiviazione o di ingiunzione.

    L’autorità competente, dopo un attento esame di merito e di legittimità degli eventuali scritti difensivi presentati o degli elementi emersi nel corso dell’audizione, emette un'ordinanza che può essere di archiviazione se non ritiene fondato l’accertamento, o di ingiunzione se lo ritiene fondato; in tale casi fissa l’entità della predetta sanzione tra il limite minimo e massimo previsto dalla Legge.

     

    Opposizione

    Contro l’ordinanza-ingiunzione si può presentare opposizione al Giudice di Pace del luogo in cui è stata accertata la violazione, entro il termine di 30 gg. dalla notificazione del provvedimento (ovvero entro 60 gg. per i residenti all’estero).

     

    Esecuzione forzata

    Trascorso inutilmente il termine fissato per il pagamento della somma ingiunta, l’autorità amministrativa che ha emesso l’ordinanza-ingiunzione provvede affinché tale somma venga riscossa coattivamente con la predisposizione del ruolo.

     
Principali violazioni
  • Il quadro prospettico delle principali violazioni in materia di Polizia Amministrativa è in corso di aggiornamento.

     
 
 
credits | note legali | Intranet | scrivi al gruppo web | Cookie Policy